Un giorno da SISTRIANO

sistriChi sono i SISTRIANI? Nel corso degli ultimi anni la razza umana ha visto la comparsa di una nuova specie, i SISTRIANI. Questi ultimi sono esseri in apparenza molto simili agli umani ma dotati di un’elevata capacità di sopportazione nei confronti dei paradossi che ogni giorno si creano intorno al mondo dei rifiuti…

Racconti di questo tipo potrebbero esserne scritti a bizzeffe, ma la realtà è che il mondo dei rifiuti sta vivendo una fase di transizione e se non viene affrontata nella maniera corretta si corre il rischio di vivere in un paese dove confusione, incertezza regnano sovrani lasciando spazio a compromessi, elusioni normative e tanto altro.

Per questo ho pensato fosse utile raccontare la giornata tipo di un SISTRIANO ed in particolare di quell’operatore che all’interno dell’azienda si fa in quattro per organizzare al meglio la gestione dei rifiuti coniugandola tra la tradizionale gestione cartacea e l’innovativa  gestione digitale (?). Le sfaccettature che il SISTRI assume a seconda che ci si occupi di trasporto, micro raccolta, impiantistica rendono l’intero quadro sistriano lento dal punto di vista operativo.

Ai non addetti ai lavori sfuggono gli aspetti più paradossali ed “inquietanti” del SISTRI, e non è insolito per tali soggetti pensare che dopo l’avvio dell’operatività del SISTRI quest’ultimo sia diventato un potete sceriffo nei confronti delle eco-mafie, delle discariche incontrollate e dell’illegalità nel mondo dei rifiuti. Purtroppo non è così ed è bene ribadirlo per evitare che l’argomento cada nel dimenticatoio lasciando ai soli addetti ai lavori, eco-corretti, l’intero peso del sistema digitale.

In questo articolo si tenterà di affrontare la giornata tipo di un’operatore all’interno di un’azienda che si occupa di logistica ed in particolare di micro-raccolta. Affrontare tutte le casistiche è ovviamente dispersivo ma vorrei rendere bene l’idea di quale sia la mole di lavoro che tutti i giorni si affronta in uno scenario del genere perché ritengo qualcuno abbia trascurato proprio questa importante variabile nella progettazione del mostro informatico.

Ogni mattina un SISTRIANO si alza e sa che dovrà essere molto più veloce di chiunque altro nel proprio ufficio per stare al passo con il proprio lavoro…

Il Sistriano medio cerca di arrivare prima sul posto di lavoro, accende il proprio computer, magari si prepara un caffè ed inizia la propria giornata controllando quali saranno i ritiri da effettuare il giorno successivo, le tipologie di rifiuti, gli impianti di destinazione, i produttori coinvolti, i mezzi da utilizzare. Vi pare poco? Allora non siete mai stati in un ufficio logistico.

A seconda della dimensione aziendale l’attività si svolge con una organizzazione metodica dei produttori da contattare telefonicamente per concordare l’ora del ritiro, confezionamento dei rifiuti (a volte a carico del trasportatore), quantità stimate dei rifiuti presenti (una delle variabili cosmiche che mettono in crisi il produttore), i codici CER assegnati dal produttore ai suoi rifiuti (altra eresia per il produttore che il più delle volte cade dalle nuvole o commenta la richiesta con un improvviso mutismo selettivo nei confronti dei rifiuti),modalità di  accesso per i mezzi, orari di apertura, referenti, contatti telefonici mobili in caso di necessità, eventuale documentazione necessaria per accedere al sito. In generale queste sono le principali variabili da considerare quando si organizza un ritiro, ma è necessario considerare che il nostro SISTRIANO dovrà organizzare una micro raccolta, ossia il ritiro da più produttori di più tipologie di rifiuto.

La micro raccolta si concretizza, in tempi di ristrettezze economiche, nel fare più “prese” possibili nell’arco della giornata lavorativa con un unico mezzo, in fondo tra tasse, contributi,stipendi, costo del carburante, costo di ammortamento delle strutture, costo del mezzo, è importante riuscire a chiudere la giornata almeno in pareggio se non con un qualche utile.

Il nostro operatore pertanto dovrà fare una serie di telefonate cercando di contattare tutti i produttori avvisandoli che il giorno dopo il mezzo passerà da loro per effettuare il ritiro. Anche in questo caso è bene considerare la famosa massima: “ritenta sarai più fortunato” nel senso che non sempre tutti rispondono al telefono al primo colpo. E’ cosi che la prima parte della giornata generalmente fugge via in un lampo.

Nel frattempo la logistica di base viene organizzata, e sempre nel frattempo le lancette dell’orologio corrono veloci giungendo a mezzodì. Se il nostro SISTRIANO ipotetico è fortunato sarà riuscito a contattare tutti i produttori e ad organizzare la micro raccolta per ogni suo automezzo e potrà ricompensarsi con il relax dell’ora pranzo.

E’ a questo punto che inizia la fase più delicata, ossia la redazione della documentazione che fino ad un mese fa circa consisteva nella redazione dei soli formulari di carico e scarico da consegnare ad autisti già competenti in materia.

La seconda parte della giornata così inizia con il nostro SISTRIANO che inserisce, in un gestionale (quasi tutte le aziende di trasporto di una certa dimensione ne sono oggi dotate), tutti i dati anagrafici necessari per poter compilare i formulari. Ricordiamo che ogni formulario è valido per un singolo produttore e per un singolo codice CER, pertanto tanti saranno i formulari quanti saranno i codici CER da ritirare ed i produttori di rifiuti.

Generalmente in questa fase si manifestano i casi più curiosi. Se l’operatore è attento potrà rendersi conto che la ragione sociale non è corretta o è incompleta, che l’indirizzo è incompleto, ma ciò che più di tutti può mandare fuori dai gangheri è avere tra le mani una partita iva anziché un codice fiscale (Dovrebbe essere ormai chiaro che sono due cose ben distinte ma tant’è…). Qualcuno potrà chiedersi: “E quindi? Che differenza fa?” Purtroppo c’è una bella differenza dato che lo stesso D.Lgs. 152/2006 richiede che sia inserito quello anziché la partita IVA. Scatta quindi la famosa telefonata al produttore chiedendoli i dati corretti., ed in questi casi possono verificarsi due ipotesi:

1-      Il produttore sa di che si sta parlando e fornisce i dati corretti

2-      La persona contattata non conosce la differenza tra le due e cade nuovamente dalle nuvole

Certo non è una regola ma capita.

Recuperati tutti i dati, comprese le autorizzazioni degli impianti di destinazione, i formulari vengono compilati ed il processo di stampa ha finalmente inizio. Anche qui occorre avere una buona dose di fortuna perché nulla vieta che in azienda sia presente una vecchia stampante ad aghi alla quale di tanto in tanto piace mangiucchiare un formulario senza che l’operatore se ne accorga. Ma il nostro SISTRIANO, già consumato dall’esperienza ha sempre un occhio attento a riguardo…

Inizia ora la fase SISTRI, ossia quella particolare parte della giornata in cui l’operatore si isola dal mondo, prende vicino a sé la bibbia sistriana (manuali operativi) cade in una profonda trance ed inserisce il dispositivo USB che gli permetterà di accedere al mondo del SISTRI.

Il SISTRIANO è bene sapere essere un animale furbo, e conscio delle stampanti difettose del SISTRI ha già ricopiato su un file word o excel, o inciso sui muri, o sulla propria scrivania, i codici di accesso del proprio account. Già perché le famose buste cieche del SISTRI sembrano essere molto spesso afflitte da stampa offuscata o meglio, i codici sono a libera interpretazione se non hai 12/10 di vista ed una buona abilità nel risolvere rebus (ciò è ovviamente riferito alla prima lunga serie di buste cieche che furono rilasciate a buona parte delle aziende di trasporto e degli impianti che si iscrissero nel lontano 2010).

Ma anche questo è un ostacolo sormontabile. Il dispositivo USB è inserito ed il mouse clicca sulla schermata di avvio accedendo al pannello di controllo. Da qui è semplice giungere all’area di creazione delle schede SISTRI, infatti è sufficiente cliccare sulla voce “accesso” oppure sulla relativa icona. Ecco che appare una schermata che spiega in maniera efficiente dove cercare i codici di accesso che verranno richiesti nella pagina successiva. In fondo alla schermata, cliccando su un enorme pulsantone si accede all’area più protetta del nostro paese dati i codici che si dovranno inserire. Innanzitutto viene richiesto il codice PIN, un codice a 8 cifre. Se l’inserimento è corretto (ed anche se non è corretto) si accede ad una seconda schermata in cui sarà ora necessario inserire invece l’UID o meglio conosciuto come username ed una password. Qui il nostro SISTRIANO si è fatto furbo con l’esperienza e visto che il primo campo non fa differenza tra maiuscolo e minuscolo lui accende il “caps-lock” ed inserisce i dati nel primo campo, subito dopo passa all’inserimento della password, un codice alfanumerico che deve essere inserito rigorosamente in maiuscolo.

Fatto ciò ecco che finalmente si può accedere al pannello di controllo vero e proprio, il cuore pulsante del SISTRI, il luogo da dove è possibile leggere il registro cronologico (la confusione con la quale è stato creato è a dir poco assurda ed evito di parlarne ma chi lo gestisce saprà di che parlo), creare schede SISTRI in tutte le salse ed in tutte le causali di questo mondo che solo una mente malata come il Jocker di Batman avrebbe mai potuto ideare, ma tant’è che ci sono e bisogna usarle.

Normalmente il SISTRIANO posa il suo puntatore sull’icona per creare una scheda sistri dedicata alla micro raccolta e qui il dubbio amletico

–          Scheda sistri micro raccolta per produttore iscritto

–          Scheda sistri micro raccolta per produttore non iscritto

è quanto mai lecito. Ma visto che il Ministero ci ha fatto il dono delle “semplificazioni” quasi nessun produttore utilizza il SISTRI (tranne i più masochisti) ed il SISTRIANO può tranquillamente scegliere una scheda sistri micro raccolta per produttore non iscritto.

Appare quindi una nuova schermata che chiede l’inserimento di tutta una serie di dati che normalmente vediamo sui formulari rifiuti. Partendo dall’anagrafica del produttore (e state certi che se dovete fare più schede sistri per lo stesso produttore il sistema non mantiene i suoi dati in memoria e quindi occorre inserirli ogni volta, ma in fondo il SISTRI non è un gestionale…) alla tipologia di rifiuto da inserire, allo stato fisico del rifiuto, alle caratteristiche di pericolosità del rifiuto, alle modalità di confezionamento ecc… ogni dato deve essere inserito. Fortunatamente qualcuno si è reso conto di come alcune variabili siano difficilmente inseribili in prima battuta, vedasi ad esempio il peso alla partenza ora non più obbligatorio.  Ma una paio di precisazioni è bene farle, se si compila una normale scheda sistri per singolo ritiro questo dato è obbligatorio e, almeno per quella che è la mia esperienza, al termine del ritiro quel dato non è più modificabile ed il peso riscontrato a destino andrà inserito nelle annotazioni; inoltre c’è la questione dei menù a tendina. Come è possibile che ogni qual volta si selezioni una opzione da quei menù l’intera pagina scrolla verso l’alto? Qualcuno si è reso conto del tempo che si perde se la navigazione non è proprio fluida, e del momento di incertezza che si crea quando, convinti che la pagina continui a scorrere verso il basso ci si ritrova a non aver inserito i dati successivi ma a modificare quelli precedenti?

Ma andiamo oltre e continuiamo a compilare le varie sezioni che spaziano dai dati anagrafici del produttore, a quelli sul rifiuto a quelli sul trasportatore, a quelli sull’impianto di destinazione (per il quale il numero di autorizzazione deve essere inserito ogni volta manualmente, ma il SISTRI non è un gestionale ricordiamolo e non si è minimamente prodigato nella ricerca delle autorizzazioni in fase di iscrizione da parte delle aziende) all’intermediario dei rifiuti, al consorzio di recupero, alle annotazioni ecc… Ecco che quando tutti i dati sono stati inseriti finalmente si giunge alla schermata di riepilogo dove il nostro SISTRIANO ha la possibilità di ricontrollare ogni dato da lui inserito e confrontarlo con quelli reali. Ed ora? A questo punto si può finalmente salvare ed infine firmare la scheda. Questa parte mette ansia è bene dirlo perché una volta salvati tutti i dati inseriti si ha la possibilità di firmare, cliccando sul pulsante firma ma ecco materializzarsi un nuovo dubbio amletico: sei sicuro di voler firmare? Ai posteri l’ardua sentenza.

Cosa accade quindi quando si è proprio sicuri di voler firmare? Il sistema ci chiede di inserire il codice PIN e se il nostro SISTRIANO ha anche la sfortuna di avere un dispositivo USB legato a più delegati sarà necessario anche inserire username, alias UID e password. Probabilmente lanciare una testata nucleare richiede meno codici d’accesso e meno ansie.

Tutto qui? No perché il nostro SISTRIANO non ha firmato la propria scheda SISTRI ma bensì ha fatto un favore al produttore (e noi tutti ringraziamo ancora le “semplificazioni”) firmando la scheda per lui, ed ora dovrà nuovamente firmare la scheda accedendo all’area del trasportatore. Il passaggio è fortunatamente semplice ma il giro di ansie appena descritto viene nuovamente ripetuto. Finalmente la scheda SISTRI è bella che firmata ed è possibile scaricarla. Il sistema chiede al SISTRIANO se vuole salvare la scheda e conservarla elettronicamente come richiesto dal D.Lgs. 152/2006 e ss.mm.ii. (domande banali? Se è obbligatorio perché lo chiede?). Se il SISTRIANO avrà il coraggio di cliccare SI allora si avvierà un lettore di pdf e la scheda potrà essere finalmente stampata. A questo punto è bene ricordare che la scheda in formato elettronico viene automaticamente salvata all’interno del dispositivo USB.

Parliamo quindi della scheda sistri che finalmente è stata stampata. Anche qui urgono delle considerazioni. Il layout non occupa tutta la pagina come ci si può aspettare, ma nell’ottica della spendig review sono stati utilizzati solo ¾ di pagina rendendo di fatto confusionario capire quali siano realmente i campi da compilare a mano e quali no ( nonostante siano di colori diversi). I dati riportati rispecchiano più o meno tutti quelli che già trovate sui comunissimi formulari solo che presentano caratteri più ridotti ed uno schema organizzativo, a parere dello scrivente, scadente e confusionario. Mi chiedo come mai nessuno si sia applicato nel renderlo più fruibile considerando i contributi obbligatori che le aziende hanno versato negli anni. Anche qui “ai posteri l’ardua sentenza”.

Il nostro SISTRIANO ha terminato finalmente la prima scheda del giro di micro raccolta del giorno successivo, non esce dal suo stato di trance e continuare ad inserire dati nel tentativo di riuscire a terminare il proprio lavoro entro le otto ore lavorative, ma sa già che quand’anche non dovesse riuscirci sarà obbligato a continuare a svolgere il proprio lavoro per permettere ai suoi colleghi conducenti di poter svolgere al meglio il proprio.

Facciamo quindi un breve conto ecologico in materia di SISTRI: qual è il vero risparmio in termini di carta stampata? Qual è il vero risparmio in termini di semplificazione delle operazioni? Quale’è il vero significato della tracciabilità dei rifiuti? Qual è il valore economico di una persona che svolge queste operazioni e che non sempre accede agli straordinari come hanno fatto i famosi operatori della nota azienda che ha sviluppato il SISTRI e che fece scandalo un annetto fa circa?

Questo articolo scritto in chiave ironica non vuole prendersi gioco di chi con il SISTRI lavora tutti i giorni, ma vuole essere una critica costruttiva a chi deve riprogettare seriamente il sistema informatico per renderlo fruibile e fruttuoso in termini di risparmio e tracciabilità.

Le persone importanti che fanno sacrifici e che si impegnano per il bene del prossimo e della comunità non sono quelle che si mettono in mostra tra uno scandalo e l’altro e che mai perderanno i propri privilegi ma sono i lavoratori italiani che nonostante tutte le pressioni, la continua svalutazione del valore del proprio stipendio, gli orari impossibili e tutti i sacrifici fatti permettono al nostro paese ancora di muovere i propri passi verso quello che ci auguriamo sia un futuro migliore.

Caro SISTRIANO credo sia inutile dirti che ora anche tu hai il sostegno di tutti quanti.

Per informazioni e consulenza: Ing. Vito la Forgia – Ambiente & Rifiuti

v.laforgia@ambiente-rifiuti.comwww.ambienterifiuti.wordpress.com

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.